LA NUOVA MODA MILANESE: IL POKE BOWL

Le mode passano e, soprattutto a Milano, città in continuo movimento e cambiamento, vi è sempre una novità.

Quella attuale vede come protagonista indiscusso il poke.

Ma cos’è effettivamente??

È l’hawaiian soul food per eccellenza.

Il nome significa “tagliato a tocchi”, ed infatti il pesce è senza lische e fatto a quadrotti, non a fettine come avviene invece con il Chirashi giapponese.

Tradizionalmente di piovra o di tonno, nasce come piatto povero dei pescatori e quindi nella ciotola ci finiva un po’ quello che c’era.

Il condimento del “poke” ha influenze asiatiche, ed infatti viene realizzato con salsa di soia, alghe, olio di sesamo, a cui però si aggiungono cipolle, peperoncino, verdure, spezie e così via.

La ricetta, nata come contaminazione, si trasforma oggi ancora una volta, accoglie pomodori come fosse una catalana, peperoni verdi, insalata, avocado – oramai la moda è partita e le reinterpretazioni non escludono alcune influenza. Nemmeno quella italiana.

Ho scoperto questo piatto qualche mese fa e da allora non ne posso più fare a meno!

IMG_4118
Poke di “Poku”, Corso Sempione

A Milano, ovviamente, quando vi è una nuova tendenza, i locali che la ripropongono crescono come funghi!

E io non potrei che esserne più felice, visto che adoro provare sempre posti nuovi!

Poi mi immedesimo nel personaggio di Alessandro Borghese e stilo la mia classifica, proprio come avviene nel suo programma “4 Ristoranti”!

Il poke è da considerarsi un piatto completo, sano e bilanciato.

Sulla base della ciotolina (denominata “bowl”) viene messo del riso, solitamente basmati, sopra il quale viene adagiato del pesce o della carne, oggi infatti viene proposto anche con pollo o manzo, e poi una serie di topping come alghe, cavolo, pomodori, carote e così via; il tutto viene poi ricoperto da un mix di semi e salsine come soia, ponzu ecc.

A Milano sono stata un paio di volte da “I Love Poke” che si trova nei pressi del Duomo, in Piazza Dei Mercanti, molto piccolo ma carino, entrambe le volte mi sono  presa il poke in formato takeaway per poi mangiarlo al parco perché ci sono solo un paio di posti fuori dal locale.

Il bello di questo locale è che puoi “crearti” il poke come vuoi;

Vi sono tre misure di bowl (piccola, media e grande) e in base alla misura puoi mettere da 1 a 3 proteine, tra cui vi sono salmone, tonno, polipo, pollo, manzo, tofu… puoi aggiungere poi i topping e condimenti che desideri.

Trovo questa formula molto carina perché lascia la possibilità di scegliere ciò che piace di più e, si sa, oggi adoriamo personalizzare il più possibile.

12
Bowl di “I Love Poke” con tonno, branzino, salmone, avocado, cipolla rossa, alghe salame, carote, pomodorini, riso e insalata.

Altro posticino simile, con pochissimi posti a sedere e in cui puoi crearti il tuo bowl personale, è la “Pokeria By Nima”, in Piazza XXV Aprile, davanti a Eataly.

Anche qui mi sono presa una bowl e l’ho mangiata all’esterno perché dentro ci sono solamente 3 o 4 sgabellini.

Simile a “I Love poke” ma comunque da provare perché, anche se il concept potrebbe apparire lo stesso, la proposta è leggermente diversa e altrettanto buona.

 

IMG_5227
Bowl della “Pokeria By Nima” con riso, polipo, gamberi, cavolo rosso, pomodorini, alghe wakame, arachidi e anacardi.

Diverso è invece il caso di  “Poku”, in Corso Sempione.

Da Poku infatti vi è il servizio al tavolo.

La proposta in questo caso è alla carta, dove ci sono una serie di bowl già composte in cui puoi scegliere solamente il riso, bianco o integrale; gli altri ingredienti non possono essere modificati.

Nel menù i piatti vengono presentati anche tramite delle immagini, cosa che trovo molto bella e utile perché permette di realizzare preventivamente ciò che si andrà ad ordinare!

Da Poku ci sono stata numerose volte, ormai sono diventata una cliente di fiducia!

Ci sono talmente tante proposte sfiziose che le vorrò provare tutte prima o poi!

Finora ho provato il “Chicken Aloha”, servito in mezzo ananas riempito con riso, pollo in salsa agrodolce, peperoni, erba cipollina;

IMG_5055
Chicken Aloha

Il “Beef Maui”, mezzo ananas scavato e riempito con riso, manzo e cipollotti;

L’“Honolulu”, bowl con riso, carote, tonno, branzino, avocado, alghe wakame, edamame, fiori di loto, sesamo, alga nori e salsina spicy.

IMG_5353
Beef Maui

Li ho trovati tutti favolosi e non vedo l’ora di provarne altri!

Un altro posto in cui fanno poke è il “The Botanical club”, in via Tortona.

Locale molto raffinato, ovviamente i prezzi sono più alti rispetto agli altri posti di cui vi ho parlato ma, allo stesso momento, il servizio è diverso così come la location.

Nonostante sia più carino e raffinato mi è piaciuto meno rispetto agli altri, ho trovato le bowl meno particolari e saporite.

IMG_4151.JPG
Bowl con riso, edamame, gamberi, tonno e avocado

Se siete amanti del pesce, e soprattutto del pesce crudo, vi consiglio vivamente questi posti! Io adoro il pesce crudo e la qualità di esso, in tutti questi locali, l’ho trovata eccezionale!

E tu, hai mai provato un poke bowl??

No?

Che aspetti?

Sono sicura che te ne innamorerai!

IMG_3974
Cenetta da Poku con Poke e Alghe Wakame

 

 

Una risposta a "LA NUOVA MODA MILANESE: IL POKE BOWL"

Add yours

  1. Ciao!!!!
    Il Poke è buonissimo…qui da queste parti va già da qualche anno …salmone, tonno, cappesante, lenticchie o legumi vari….tutto fa brodo…anzi tutto fa Poke!!! basta aver una bella base di riso sotto!!!
    Tra l’altro è stato uno dei primi piatti che ho trattato sul mio blog!
    Ciao a presto!!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: